Il CSV non sostiene e non partecipa ad attività discriminatorie

News

A seguito di alcune richieste di delucidazione in merito all’iniziativa Pane Nostrum, vorrei sottolineare che come CSV non possiamo sostenere né partecipare ad iniziative che fanno discriminazioni nei confronti delle persone. Ce lo impedisce il nostro statuto. Sono le parole di Stefania Perego, Presidente del Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta all’indomani della presentazione di Pane Nostrum, la campagna che raccoglie fondi e distribuisce il pane alle persone povere, di sola cittadinanza italiana, portata avanti dall’Associazione Disabili Vda.

Noi offriamo i nostri servizi, tra cui l’uso gratuito delle sale, a tutte le associazioni, anche a quelle non socie, che dimostrano di averne i requisiti. Di norma non entriamo nel merito di ciò che le singole associazioni organizzano. Questo, però, a patto che le iniziative non siano incompatibili con il nostro Statuto” ribadisce ancora Stefania Perego.

Lo Statuto del CSV, a questo proposito, è pubblicato e scaricabile dal sito del CSV all’indirizzo www.csv.vda.it . Il link diretto è: https://goo.gl/63LwEy

Il CSV, al momento della concessione della sala, non era quindi a conoscenza dei contenuti dell’iniziativa Pane Nostrum, soprattutto nella parte in cui si limita l’azione benefica alle sole persone con cittadinanza italiana. “La povertà non ha nazionalità e non è possibile fare distinzioni sulla base della provenienza geografica delle persone” spiega Stefania Perego. “Il Csv onlus opera per la promozione del volontariato, della cittadinanza attiva e per la crescita di una cultura della partecipazione e della solidarietà in Valle d’Aosta. Il Csv agisce affinché il volontariato organizzato assuma, nei confronti delle istituzioni e della comunità, un ruolo di collaborazione propositiva, di promozione di cambiamenti utili a rimuovere le disuguaglianze di ogni genere e a favorire l’integrazione e l’inclusione di tutti nella comunità valdostana.”

Il Csv dichiara di essere estraneo al messaggio dell’iniziativa. “Per sostenere le famiglie in difficoltà in Valle d’Aosta come CSV abbiamo progettato e fatto nascere ad Aosta, con il sostegno dell’Assessorato regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali, l’emporio solidale Quotidiamo che aiuta nella spesa chi è in difficoltà, indipendentemente dalla nazionalità” sottolinea ancora la Perego.

Questo sito utilizza i cookie propri e di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni