Approvati 46 progetti sociali finanziati con il bando pubblicato dal CSV

Sono stati 46 i progetti sociali approvati nel bando di finanziamento pubblicato dal Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta e finanziato dal Ministero del lavoro e delle Politiche sociali attraverso l’Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche sociali della Regione Valle d’Aosta. Il bando, chiusosi il 9 aprile, metteva a disposizione delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale valdostane 420.000 euro per progetti presentati in forma associata e che hanno ricevuto finanziamenti fino ad un massimo di 12.000 euro.

L’alto numero delle proposte progettuali pervenute e l’elevata qualità delle stesse hanno fatto sì che l’importo del finanziamento inizialmente previsto fosse integrato di oltre 30.000 euro, per un totale di 451.524,46 euro.

Si tratta di un risultato storico, sia per il numero dei progetti approvati, che coinvolgono circa 70 enti del Terzo settore, sia per l’ammontare – commenta Claudio Latino, presidente del CSV. Questo bando è il frutto di un’unità d’intenti e servirà a fare la differenza nella costruzione di una Valle d’Aosta davvero solidale e nella maturazione del mondo del volontariato, con le associazioni che lavoreranno facendo rete e con un forte radicamento sul territorio. In una pandemia ognuno deve fare la sua parte: il mondo del volontariato vuole farlo da protagonista, con questi progetti si vuole dare un segno di ritorno alla normalità”.

Gli interventi previsti dai progetti – che dovranno chiudersi entro marzo 2022 – sono strutturati in maniera da produrre un forte impatto sul territorio, in particolare nei confronti delle fasce deboli della società, affrontando ambiti variegati per intercettarne i bisogni emergenti: natura, comunità, cultura e diritti, educazione, integrazione, prossimità, salute e donazione, soccorso e sicurezza. “I progetti non avevano una tematica prestabilita, ma sono stati raggruppati a posteriori in alcune categorie – spiega Elda Tonso, coordinatrice del CSV. Ogni associazione ha agito in autonomia nell’individuazione dei bisogni sorti in questo momento per coinvolgere in pieno l’intera comunità valdostana. Il panorama degli interventi è molto vasto sia per le tematiche affrontate che per il coinvolgimento territoriale”.

Uno dei punti di forza del bando era la presentazione in partenariato dei progetti, come illustra Beatrice Albensi, progettista del CSV: “Le associazioni hanno fatto uno sforzo enorme per offrire un lavoro in rete ed in collaborazione, che permette di dare uno sguardo più ampio sulle attività proposte in relazione alle esigenze”.

Altre Notizie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Novità, aggiornamenti e curiosità dal mondo csv