Parte il servizio di consegna a domicilio di libri ad Aosta “Livre-ison”

| News

Da oggi, mercoledì 10 marzo, prende il via il progetto Livre-ison, che prevede la consegna a domicilio e la restituzione di libri delle biblioteche di Viale Europa e Quartiere Dora per la popolazione residente ad Aosta, prioritariamente alle fasce deboli come anziani, malati e disabili. Ad effettuare il servizio saranno i volontari selezionati e formati dal CSV, previo lo svolgimento del corso online “Informativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per volontari addetti all’acquisto e consegna a domicilio di beni di prima necessità e farmaci” della durata di 1h40.

E’ ancora possibile mettersi a disposizione del CSV come volontari compilando il modulo presente a questo link https://tinyurl.com/ybhqaa95

Al momento i volontari sono una quindicina. “Essere vicini alla popolazione in questo periodo difficile dal punto di vista umano, sociale, economico, è il nostro faro dell’agire quotidiano”, commenta il presidente del CSV Claudio Latino nella conferenza stampa online di presentazione. “La scelta del Comune di Aosta di rivolgersi ai volontari non è una scelta economica, ma di campo: non si tratta di scegliere quello che costa meno, ma di scegliere i volontari come protagonisti della comunità valdostana e aostana. Come CSV siamo contenti di “dare gambe” a questo progetto e contribuire a rendere Aosta capoluogo delle buone prassi”.

“Livre-ison nasce dalla necessità di dare un segnale di speranza e di contatto con la cultura anche in un momento difficile come quello che stiamo vivendo”, spiega l’assessore comunale all’istruzione e cultura Samuele Tedesco. “Bisogna uscire dalla narrazione unica della pandemia e considerare le biblioteche del territorio come “propagatori” del sapere e come “focolai” per la crescita socio-culturale della comunità. I principi che guidano Livre-ison sono la gratuità del servizio, grazie ai volontari selezionati e formati dal CSV, la priorità – ma che non è esclusività – delle fasce deboli, e la sicurezza, perché vengono rispettate tutte le norme previste, anche tramite l’acquisto da parte del Comune di materiali che verranno messi a disposizione delle biblioteche. Si possono raccogliere le richieste già da oggi, poi verrà stilato un calendario secondo le disponibilità dei volontari e contiamo di espletare il servizio nel più breve tempo possibile, speriamo già dalla prossima settimana”.

Serena Del Vecchio, consigliera comunale, è una dei volontari: “Ce ne sono di tutte le età, giovani e meno giovani. Ragazzi che si mettono in gioco in un periodo così difficile, come ad esempio gli Scout del Gruppo Aosta 4, sono un segnale di grande bellezza ed importanza. Non vediamo l’ora di partire e di riportare cultura dove non c’è la possibilità di andare”.

A spiegare il funzionamento di Livre-ison è Tania Castellan della biblioteca di Viale Europa: “Le norme sono le stesse del servizio bibliotecario valdostano, a cui bisogna essere iscritti. In caso contrario, le biblioteche faranno avere il modulo di adesione e iscrizione al servizio. Livre-ison è attivo su tutto il territorio comunale, anche nelle zone collinari, basta telefonare o mandare una mail alla biblioteca geograficamente più vicina. Il servizio è gestito in sicurezza: ogni utente avrà due buste nominative, in cui viaggeranno i libri in rientro e in uscita che, quando torneranno, rimarranno in quarantena”.

A gennaio firmato il protocollo per il progetto “Livre-ison”

Con la firma del protocollo tra la dirigente dell’Area A5 Elisabetta Comin e il presidente del CSV Claudio Latino, prende il via il progetto “Livre-ison”, rivolto all’utenza delle Biblioteche comunali di viale Europa e del quartiere Dora, con particolare riguardo e prioritariamente alle fasce più deboli (anziani, disabili, malati) e con maggiori difficoltà negli spostamenti anche in considerazione dell’emergenza epidemiologica in atto, che prevede
l’organizzazione di un servizio di consegna e restituzione dei libri delle biblioteche a domicilio attraverso l’opera di volontari selezionati, formati e coordinati dal CSV.

La firma del protocollo era propedeutica all’avvio della fase operativa di “Livre-ison”, prevista per fine gennaio, mentre è ancora in corso la campagna di reclutamento dei volontari che si occuperanno materialmente della consegna dei volumi dopo aver frequentato il corso online “Informativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per volontari addetti all’acquisto e consegna a domicilio di beni di prima necessità e farmaci”. Attualmente sono state ricevute oltre 15 candidature.

Commenta il presidente del CSV, Claudio Latino: «È molto significativo che un buon numero di volontari si siano messi a disposizione per questa iniziativa che si propone di contrastare la solitudine e l’isolamento delle persone attraverso la consegna di libri e di opportunità di conoscenza e svago. Livre-ison, così come altri progetti portati avanti dal CSV, risponde alla volontà di costruire sul territorio alleanze tra il mondo del volontariato, le istituzioni e altri enti per dare una risposta sinergica e integrata ai bisogni della popolazione».

«Con la firma del Protocollo – dichiara l’assessore alla Cultura, Samuele Tedesco – siamo finalmente in grado di partire con l’organizzazione di un servizio che, al di là delle finalità sociali, comunque significative in un periodo in cui il patrimonio delle biblioteche non può essere condiviso
pienamente a causa delle restrizioni dovute alla pandemia in corso, si propone di contribuire a implementare e a valorizzare, unitamente ad altre iniziative in preparazione, il sistema comunale delle biblioteche, rimettendo la cultura al centro delle politiche ammnistrative quale valore fondante e di crescita della nostra comunità».


“Facciamo luce sulla fibromialgia”: anche in Valle d’Aosta numerosi monumenti si illuminano di viola

06/05/2021

In occasione della Giornata Mondiale della Fibromialgia del 12 maggio, grazie all’iniziativa di Asfib VDA si illumineranno di viola il Castello di Arvier, il Castello di Aymavilles, il Municipio di Aymavilles, la rotonda del Pont Suaz di Charvensod, il Ponte Romano di Pont-Saint-Martin e la Collegiata di Saint-Gilles di Verrès.

#RiformaTerzoSettore: definite le “attività diverse” per gli ETS


Sottoscritto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali il Decreto riguardante l’individuazione di criteri e limiti delle attività diverse da quelle di interesse generale esercitabili dagli Enti del Terzo settore in forma commerciale per finanziare le attività principali. L’obiettivo è quello di incoraggiare l’autofinanziamento attraverso attività commerciali purché strumentali all’attività di interesse generale.

Corso “Il Volontariato in classe… online!”

05/05/2021

Per venerdì 14 e martedì 18 maggio, dalle 17.30 alle 19.30, il CSV ha programmato due incontri assieme a Monia Guarino per ricevere gli stimoli giusti e le modalità corrette nella comunicazione online con gli studenti.
Gli ETS che organizzano incontri nelle scuole avranno le dritte per utilizzare nel migliore dei modi gli strumenti “a distanza”.

Chiusura CSV

04/05/2021

A seguito dell’entrata della Valle d’Aosta in zona rossa, la sede del CSV resterà chiusa per le attività in presenza. Rimane attivo lo sportello telefonico.

Questo sito utilizza i cookie propri e di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni