Gli aspetti giuridici del Terzo Settore: I requisiti per l’ammissione di nuovi associati

Per rispondere alle tante domande che sorgono sui vari aspetti giuridici relativi agli Enti del Terzo Settore, il CSV offre un servizio di approfondimento su specifici argomenti a cura dello studio legale Avv. Marco Masi con cadenza periodica e su sollecitazioni di specifiche richieste da parte degli enti che utilizzano il servizio delle consulenze giuridiche del CSV VDA – ODV.

Chi fosse interessato agli approfondimenti completi può richiederli all’indirizzo mail consulenza@csv.vda.it.

I requisiti per l’ammissione di nuovi associati

Il carattere aperto delle associazioni e il cosiddetto principio della “porta aperta” obbligano l’ente del Terzo Settore ad ammettere il candidato socio incondizionatamente?  I requisiti di ammissione degli associati devono necessariamente essere declinati nell’ambito delle norme statutarie?

Perché il requisito del possesso di un determinato titolo di studio non deve essere un elemento discriminante per l’ammissione di un nuovo socio? Lo sapete che gli stranieri, pur non possedendo la cittadinanza italiana, possono beneficiare di tutti i diritti civili e sociali e, di conseguenza, anche del diritto di libera associazione? Se l’aspirante socio ha procedimenti penali in corso può comunque essere ammesso in qualità di socio di un ETS?

Per l’approfondimento del mese abbiamo chiesto all’Avv. Masi di aiutarci a capire in quali casi si possono considerare alcuni requisiti di ammissione non discriminatori.

Altre Notizie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Novità, aggiornamenti e curiosità dal mondo csv

La Newsletter del csv