Linguaggio sessista e hate speech nei media al centro dell’ultimo incontro di “Forme di umanità”

| News

Il ciclo di incontri online “Forme di umanità” giunge al suo atto conclusivo con un appuntamento dedicato al tema del sessismo linguistico nella comunicazione giornalistica ed ai discorsi di odio a sfondo misogino e omotransfobico nei social media. Inizialmente previsto per sabato 9 gennaio, il sesto incontro del ciclo organizzato dall’associazione di promozione sociale Dora – donne in Valle d’Aosta in collaborazione con la Cittadella dei Giovani e il CSV si svolgerà sabato 16 gennaio alle ore 18 sulle pagine Facebook della Cittadella dei Giovani, di Dora donne in Valle d’Aosta e di Arcigay Valle d’Aosta, su AostaSera.it e sul canale YouTube della Cittadella, e sarà successivamente disponibile sul sito Voci di Cittadella.

All’incontro, mediato da Chiara Bérard dell’associazione Arcigay Valle d’Aosta – Queer VdA e da Viviana Rosi dell’associazione Dora – donne in Valle d’Aosta, parteciperanno Silvia Neonato, giornalista genovese, redattrice della rivista Leggendaria, esponente di GiULiA (giornaliste unite libere autonome) e della SIL Società italiana delle letterate; Manuela Manera, linguista e componente del comitato scientifico del CIRSDe (Centro interdisciplinare di ricerche e studi delle donne e di genere) dell’Università di Torino; Enrico Marcoz, responsabile della sede ANSA della Valle d’Aosta; Alessandro Mano, giornalista della redazione valdostana de La Stampa e Nathalie Grange, giornalista di AostaSera.it.

Il punto di partenza dei temi affrontati è l’entrata in vigore, dal 1° gennaio 2021, di un nuovo articolo del “Testo unico dei doveri del giornalista”, specificatamente dedicato al rispetto delle differenze di genere, che stabilisce quale comportamento ogni giornalista deve tenere nei casi di femminicidio, violenza, molestie, discriminazioni e fatti di cronaca che coinvolgono aspetti legati all’orientamento e all’identità sessuale. Altro tema legato alla prassi giornalistica è l’utilizzo del cosiddetto “linguaggio inclusivo” ovvero rispettoso delle differenze di genere e capace di evitare il “maschile universale” o “maschile neutro”, così come la corretta declinazione in base al genere delle professioni e delle cariche pubbliche, mentre più incentrato sui social media è il carattere fortemente misogino o omotransfobico del fenomeno dell’hate speech.


“Premio Regionale per il Volontariato”, candidature entro il 10 settembre

22/06/2021

Anche l’edizione 2021 si rivolge alle nuove fragilità e alle emergenze inedite conseguenti all’epidemia da Covid, premiando i migliori progetti volti a superare la fase critica attuale, siano essi rivolti al miglioramento della vita o alla promozione e valorizzazione dei diritti delle persone in campo socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo.

Il CSV aderisce a Pro Bono Italia

21/06/2021

La rete degli avvocati di Pro Bono Italia mette a disposizione degli ETS la consulenza gratuita degli studi legali aderenti. Nell’articolo un video di spiegazione del servizio.

Mercoledì 30 giugno l’assemblea ordinaria dei soci del CSV

17/06/2021

L’assemblea si terrà mercoledì 30 giugno alle 17 presso il cortile del Seminario vescovile in Via Xavier de Maistre n. 17 (accanto al CSV) rispettando tutte le indicazioni in materia di prevenzione da contagio COVID-19.

#RiformaTerzoSettore: Come pubblicare i contributi pubblici agli enti non profit


Tutte le indicazioni in vista della scadenza del prossimo 30 giugno per le organizzazioni che hanno ricevuto importi pari o superiori a 10.000 euro. E per non sbagliare, un fac-simile per la compilazione.

Questo sito utilizza i cookie propri e di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni