Richieste di finanziamento all’otto per mille della Chiesa Apostolica – anno 2021

ENTE EROGATORE

Chiesa apostolica in Italia

SCADENZA

30 settembre 2021

PROMOTORE E FINALI

La Chiesa Apostolica in Italia concorre alla ripartizione della quota pari all’otto per mille (OPM) dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, destinando le somme devolute a tale titolo dallo Stato ad interventi sociali, umanitari e culturali in Italia e all’estero.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Verranno accolti progetti che riguardano:

Cultura, Educazione e Formazione a scopo sociale di particolare rilievo;
attività sociali nel territorio nazionale;
attività missionarie in ambito internazionale.

ENTI AMMISSIBILI

I destinatari dei fondi possono essere i soggetti elencati di seguito:

chiese, istituzioni e organismi aventi parte nell’ordinamento della Chiesa Apostolica in Italia;
altre chiese italiane o estere;
organismi associativi (italiani o esteri);
cooperative sociali.

RISORSE

I progetti verranno finanziati con la quota di destinazione relativa alla dichiarazione dei redditi 2019. Nel 2020 (dichiarazione dei redditi 2017) il Fondo OPM si è attestato attorno ai 350 mila euro con il quale la Chiesa Apostolica ha finanziato 30 progetti: 26 in Italia e 4 all’estero. L’elenco dei progetti finanziati nel 2020 e negli anni precedenti (con indicazione dell’ammontare dei contributi) è consultabile nella sezione “amministrazione trasparente” del sito web.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

Le domande – redatte utilizzando unicamente i moduli predisposti ed allegando la documentazione richiesta – devono pervenire unicamente per posta elettronica o posta certificata all’indirizzo ottoxmille@chiesapostolica.it entro e non oltre il 30 settembre 2021.

Link alla pagina dedicata all’otto per mille a gestione diretta statale sul sito della Chiesa Apostolica

Link alla pagina in cui si possono scaricare i moduli per la presentazione dei progetti

Informazioni generali per la presentazione dei progetti

 

Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonte ufficiali degli enti erogatori, vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. Infobandi non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di procedure e scadenze non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare Infobandi come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire la documentazione e verificare le procedure ufficiali.

altri bandi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Novità, aggiornamenti e curiosità dal mondo csv