Biotestamento: esperti a confronto a Palazzo Regionale

News

La Lega Italiana contro il Dolore-Valle d’Aosta (LICD-VdA), impegnata nel corso degli anni a verificare e favorire in Valle d’Aosta il rispetto della L. n. 38/2010 (Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore) nell’ambito del presidio ospedaliero e degli ambulatori territoriali e a diffondere una corretta cultura del diritto/dovere al rispetto della vita e al controllo del dolore a partire dalla scuola e dalle realtà periferiche (con elaborazione anche di una Carta dei diritti del sofferente, Aosta 10 maggio 2014, e di 5 DVD) , ha programmato – in sinergia con il CSV, l’Assessorato regionale Sanità, Salute e Politiche Sociali e l’USL-VdA – una Tavola rotonda sul tema, di rilevante attualità e incidenza sulla vita delle persone, delle famiglie e delle comunità, IL BIOTESTAMENTO E’ LEGGE: ESPERTI A CONFRONTO per venerdì 23 marzo p.v., alle ore 18.00, nel Salone delle Manifestazioni di Palazzo regionale “Maria Ida Viglino”, con contestuale programmazione del relativo DVD n. 6 della Collana “Terapia del dolore: un diritto/dovere per tutti”), facendo seguito anche al Concorso sul tema “Orizzonti di bioetica: riflessioni sul dolore e sulla finis vita” organizzato con il Liceo Classico di Aosta nel corso dei mesi febbraio-aprile 2013.

Dopo il saluto di Mariagrazia Vacchina Presidente LICD-VdA e coordinatrice dei lavori, di Claudio Latino Presidente CSV-VdA, della Direzione dell’Azienda USL-VdA e dell’Assessore regionale Sanità Salute e Politiche Sociali, si confronteranno, a livello sia giuridico che medico, Esperti di rilievo in materia: il Prof. Federico Gustavo Pizzetti (Ordinario Università degli Studi di Milano, Istituzioni diritto pubblico Facoltà di Scienze politiche economiche e sociali), il Dr. Giovanni Donati (Dirigente medico USL-VdA, Bioeticista), il Dr. Marco Musi (Dirigente medico USL-VdA, Cure palliative) e il Dr. Lorenzo Pasquariello (Dirigente medico USL-VdA, Terapia del dolore). Seguirà pubblico dibattito.