RUNTS: le Regioni chiedono più tempo per la trasmigrazione

Le vigenti disposizioni in materia di Terzo Settore ed il Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 recante: “Codice del Terzo settore” sono stati oggetto di una riflessione della Conferenza delle Regioni che si è tenuta il 21 giugno. In particolare l’imminente scadenza di alcuni adempimenti relativi all’attuazione di tale Decreto, non consentirebbe il rispetto dei tempi per l’iscrizione degli Enti al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.

Per questo motivo la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha condiviso alcune proposte emendative, ritenute urgenti e prioritarie. Il testo di tali proposte è stato inviato al ministro Andrea Orlando affinché sia valutato un loro inserimento nel primo provvedimento di legge utile.
Le Proposte emendative in materia di terzo settore approvate dalla Conferenza riguardano l’articolo 54, comma 2 del Dlgs 117/201,  l’articolo 9, comma 6 del decreto-legge 30 dicembre 2021, n.228, convertito nella legge 22 febbraio 2022, n. 15, e l’articolo 101, comma 2 del Dlgs 117/201.

“Ai fini del computo del termine di cui all’articolo 54, comma 2 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, non si tiene conto del periodo ricompreso tra il 1° luglio 2022 e il 15 settembre 2022. La ratio della proroga del termine entro cui gli uffici del Registro unico nazionale del Terzo settore debbano concludere il procedimento di verifica della sussistenza dei requisiti per l’iscrizione degli enti già iscritti nei registri speciali delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale  è diretta ad evitare che tali enti siano tenuti a riscontrare alle richieste degli uffici nel periodo indicato. Periodo in cui notoriamente realtà associative quali quelle interessate dal procedimento, che si avvalgono in modo prevalente dell’attività di volontariato dei propri associati o delle persone aderenti agli enti associati, avrebbero maggiori difficoltà nel convocare le assemblee degli associati per apportare le modifiche statutarie necessarie all’iscrizione nel RUNTS o nel riscontrare alle richieste di informazioni e documenti mancanti. Ciò in considerazione della vigente scadenza del termine di cui all’art. 54, comma 2 d.lgs. 117/2017, ossia il 21 agosto 2022”.

Quanto alla  ratio della modifica del termine (si chiede che sia spostato al 31 dicembre, ndr) entro cui gli enti già iscritti nei registri speciali delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale e nei registri delle Onlus possono adeguarsi alle disposizioni inderogabili del codice del terzo settore con le maggioranze dell’assemblea ordinaria è volta a coordinare lo stesso con la data entro cui gli uffici del RUNTS debbono concludere la verifica dei requisiti per l’iscrizione di cui all’art. 54, comma 2 d.lgs. 117/2017.

Il testo del documento integrale

Fonte: Regioni.it

Altre Notizie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Novità, aggiornamenti e curiosità dal mondo csv

La Newsletter del csv